San Gimignano e le sue Torri medievali

San Gimignano conserva ancora 13 torri medievali, ma pare che nel 1300 ne avesse avute addirittura 72. E’ per questo motivo che ha assunto l’apellativo di “Manhattan del modioevo”.
Si tratta di una città di circa 7mila abitanti a sud-ovest di Firenze, nella provincia di Siena.
Da sempre meta di pellegrini, viandanti e viaggiatori, la città di San Gimignano affascina per la sua architettura rimasta pressochè intatta nei secoli.
Attraversando Porta San Giovani, l’impressione è quella di entrare in una macchina del tempo. Tutto è rimasto al suo posto da quasi mille anni.

La cinta muraria e la Via Francigena

Con i suoi 2.176 metri, oggi la cinta muraria racchiude tutti i borghi della città medievale che si sviluppa, per lo più,  lungo l’asse nord/sud da San Matteo verso San Giovanni.
Questo è dovuto al fatto che la città di San Gimignano si trova lungo il tracciato della via Francigena, ovvero la strada principale univa il nord Europa a Roma. La strada fu costruita nel decimo secolo, dopo che il vescovo di Canterbury, Sigerico, intraprese un pellegrinaggio verso Roma, attraversando la Francia ed il nord dell’Italia.
Per secoli questa rimase la più importante via di comunicazione con la Francia e ancora oggi è possibile percorrerla, non solamente per pellegrinaggio, ma anche per effettuare una camminata lungo i paesaggi ed i luoghi più suggestivi della Toscana.

Per maggiori informazioni questo è il link della pagina ufficiale dove potrete trovare anche informazioni sulla Via Francigena card.

Le Torri

Dovuto al rapido sviluppo economico che in circa tre secoli portò San Gimignano, nel 1200, a diventare uno dei centri cemmerciali di maggior rilievo della Toscana, si ebbe anche un aumento demografico. Per questo motivo le case che si trovavano all’interno delle mure si svilupparono in verticale.

Ma non costruirono le torri soltanto per l’aumento demografico. Un altro motivo era anche la crescente rivalità che serpeggiava tra le famiglie aristocratiche e borghesi, dovuta soprattuto a ragioni economiche, ma anche politiche.
Imperversava infatti una lotta tra i Guelfi, sostenitori del potere del papa, ed i Ghibellini che invece favorivano l’imperatore.

La torre quindi svolgeva un duplice ruolo nei confronti della famiglia che ospitava.
Il primo era la difesa dagli attacchi delle atre famiglie.
L’altro era invece quello di mostrare la ricchezza della famiglia che vi viveva: tanto più era alta la casa, tanto più era ricca e importante la famiglia che l’abitava.

Interessante è anche il fatto che all’epoca quasi nessuna torre aveva un accesso o un portone al livello della strada e per poter accedervi bisognava usare una scala che veniva prontamente rimossa.
Come facevano quindi ad attraversare la città e spostarsi? Facile. Utilizzavano dei ponti di legno tra torre e torre.
Passeggiando per San Gimignano ti accorgerai infatti che sul lato delle torri, a 30 o 40 metri da terra, potrai trovare una porta. Quella porta, probabilmente si trovava in corrispondenza di un ponte che la univa ad una torre accanto.

Piazza della Cisterna

Questa è la piazza principale di San Gimignano e deve il suo nome al pozzo che si trova al centro della piazza ed è circondata da altissime torri medievali.

Qui si svolge ancora oggi il mercato settimanale.

La Cattedrale

La Basilica collegiata di Santa Maria Assunta è il Duomo cittadino. Una grande costruzione in stile romanico al centro della città, giusto di fronte al Palazzo del Comune.

Per la sua architettura e per le pareti interne completamente affrescate da alcuni tra i maggiori pittori fiorentini e senesi del 1400, è considerata uno dei massimi esempi di chiesa romanica.

All’interno il ciclo di affreschi di San Sebastiano ad opera di Benozzo Gozzoli e le Storie di Santa Fina di Domenico del Ghirlandaio. La presenza di affreschi di autori così importanti dimostra la ricchezza economica della città.

La Rocca di Montestaffoli

Seguendo la strada che passa lungo il fianco destro della Collegiata, salkendo, si giunge alla Rocca di Montestaffoli.
Questa piccola fortezza è costituita da una muraglia e da piccoli bastioni da cui si può ammirare un incredibile vista a 360 gradi sulla campagna toscana.

La chiesa di Sant’Agostino

Una delle chiese più importanti della città si trova non lontano dalla porta nord, San Matteo, ed è la chiesa di Sant’Agostino. Costruita nel 1200, ospita alcuni affreschi di Benozzo Gozzoli e Piero del Pollaiolo.

La chiesa si trova in una splendida e tranqulla piazzetta con un pozzo al centro.

La Vernaccia di San Gimignano

Oltre alle torri medievali, San Gimignano è famosa per un altro prodotto: la Vernaccia.

Questo vino, prodotto unicamente nel territorio di San Gimignano, ha origini antiche, probabilmente prodotto già dal secolo XI.
Si tratta di un vino bianco fermo ottenuto dall’omonima uva a bacca bianca.
Fu il primo vino in Italia a ricevere la D.o.c (Denominazione di Origine Controllata), nel 1966. Dal 1993 è anche D.O.C.G.

Lo zafferano

Sin dai tempi antichi in questa zona si coltiva un piccolo fiore viola che produce un preziosisimo prodotto: lo zafferano.

Sono infatti i pistilli del fiore che, essiccati, sviluppano un colore ed un aroma inconfondibili. Anticamente si usava lo zafferano per conciare i tessuti e dargli il caratteristico colore giallo, oggi è perlopiù utilizzato in cucina come spezia. Altri utilizzi di questo preziosissimo fiore furono  nella medicina e nella pittura.

Il gelato

Negli ultimi anni, La città di San Gimignano si è resa famosa anceh per un altro prodotto tipico italiano: il gelato.

Infatti sono diverse le gelaterie che offrono oltre a gusti tradizionali, anche ricette originali e golosissime che attraggono una gran quantità di visitatori.

Escursioni a San Gimignano e le sue Torri medievali

A San Gimignano rimarrai incantato dall’architettura medievale.
Puoi scegliere se visitarlo insieme ad altre zone, come Chianti, Siena, Volterra o Pisa o trascorrere qui l’intera giornata.

Clicca qui per scoprire la nostra proposta di tour classico, oppure personalizza la tua esperienza contattandoci qui.

Preparati a scoprire il cuore etrusco di Cortona con la nostra escursione privata da Firenze!